down
Forno a legna per pizze e pane
Linea professionale di forni casalinghi e materiali refrattari
Forni professionali
Montaggio forno per pizze casalingo
Un forno professionale per la tua casa e la tua pizzeria
Forni linea hobby
Forno per pizza e pane modello professionale
Casette da giardino Apuana e Amiata: ideali per cotture all'aperto.
Casette da giardino
Costruzione forni a legna e servizio di manutenzione
La refrattaria forni professionali
Catalogo forni CATALOGO
NEWS

FORNO Diametro 110 CM.

Forno Refrattario  Diametro 110 cm.  ​completo di porta e pirometro

FORNO MICRO Diametro 70 cm.

Forno Micro  Diametro 70 cm. + Cappa + Kit di montaggio e Isolamento + Pirometro + Pala media x pizza in omaggio !!!

FORNO Diam. 140 cm. MAGNUM PIZZERIA

Diam. 140 cm. +Cappa+ Porta forno +kit di montaggio e  isolamento + pirometro + pala grande in Omaggio !!!

Montaggio ed utilizzo
Informazioni tecniche:

MONTAGGIO DEL FORNO

1. Sul piano predisposto assicurandosi che sia perfettamente in bolla) posizionare a secco i mattoni isolanti M 0.45 nello spessore di 6 cm.
2. Procedere al montaggio del forno disponendo sopra il piano isolante preparato precedentemente la parte anteriore destra e sinistra della volta del forno, facendo combaciare le maschiature.
3. Posizionare le piastre che compongono il piano cottura partendo dalla bocca, unendole bene al centro senza cementarle. Se occorre spessorare le piastre con sabbia o terra refrattaria.
4. Completare il montaggio delle restanti parti della volta facendo combaciare le maschiature.
5. Riempire con terra refrattaria lo spazio che rimane tra il bordo del piano cottura e le pareti del forno.
6. Utilizzando la Super malta refrattaria  REFRAFIX, stuccare le giunte della volta solo esternamente. 
7. Posare uno strato di circa 6/7 cm. attorno al forno utilizzando il granulato isolante refrattario opportunamente miscelato con cemento 32,5, rispettando il dosaggio di 25 Kg. di cemento ogni 100 Kg. di granulato.
8. Riempire infine lo spazio residuo con VERMICULITE SFUSA o LANA DI ROCCIA IN MATERASSINO  l’isolamento del forno con Vermiculite BPB sino a raggiungere un’altezza sopra la volta di 15/20 cm. È possibile miscelarla con cemento 32,5.
9. Per ulteriori informazioni e poter sciegliere il kit necessario al montaggio del vostro forno, consultare la tabella .
La nostra direzione tecnica è a vostra completa disposizione per fornire eventuali consigli e chiarimenti riguardo il montaggio del forno e la scelta dei materiali da utilzzare.

PRIMA ACCENSIONE DEL FORNO

Dopo aver montato e ben isolato il forno, si pone il problema della prima accensione. Per ridurre al minimo il rischio di venature, cavillature e rotture, si prega di rispettare scrupolosamente i seguenti accorgimenti.
1. Accendere il forno non prima di 4 giorni dalla conclusione del montaggio per permettere alle parti in muratura di consolidarsi e non subire danni causati dalle dilatazioni termiche dovute al riscaldamento.
2. Per riscaldare il forno per circa 4/6 ore con brace di legna grossa o, in alternativa, carbone di legna, permettendo così l’eliminazione dell’umidità residua dal forno.
3. Portare il forno a temperatura d’esercizio mediante una seconda accensione, molto graduale ed evitando
fiammate eccessive, causate dall’utilizzo di molta carta o legna leggera. Spostare periodicamente le braci da un lato all’altro del piano di cottura.
4. Ripetere tali procedure dopo un lungo periodo d’inattività del forno. Rispettando queste semplici regole avete compiuto una prima accensione a regola d’arte, ottenendo una maggiore durata ed efficenza nel tempo del vostro forno. Occorre sottolineare che eventuali venature o piccole crepe sono una caratteristica dei materiali sottoposti a sollecitazioni termiche, non pregiudicano in alcun modo il corretto funzionamento e le prestazioni del forno. La società non risponde per venature, cavillature o piccole crepe nel forno, in quanto caratteristica intrinseca del forno stesso.

UTILIZZO DEL FORNO

Scaldare il forno fino a quando le pareti e la volta interne saranno divenute bianche (circa 60 / 90 minuti). Poiché la maggiore difficoltà è quella di far cuocere bene la parte sottostante dei vostri piatti, ecco alcuni accorgimenti per ottenere sempre ottimi risultati. Cottura a fiamma (pizze, farinate, arrosti, ecc.): spostare le braci e introdurre i tegami posizionandoli dove più a lungo è stato il fuoco. Conoscendo i tempi di cottura dei cibi, evitare che il calore del forno sia eccessivo e non permetta di lasciarvi la teglia per il tempo necessario. Se alla scadenza la parte superiore del piatto deve ancora colorirsi, provvedere ad aumentare la fiamma con alcuni rami secchi. Cottura a calore (pane, focacce, dolci, torte, ecc.): ripulire il piano di cottura eliminando ogni traccia di brace e, se necessario, passare uno straccio umido. Infornare il prodotto da cuocere e chiudere bene lo sportello che riaprirete dopo circa 30 minuti per controllare lo stato di cottura degli alimenti.
Per ottenere una cottura uniforme è consigliabile ruotare e spostare i cibi in quanto le parti più vicine ai lati del forno cuociono più rapidamente.

 

Richiedi preventivoLa Refrattaria s.n.c. forni a legna per pane e pizza
up